Cai di Bergamo, la «scalata» dei diecimila

Cai di Bergamo, la «scalata» dei diecimila

L’associazione. Tanti sono i soci della sezione cittadina e delle sue sottosezioni. L’attenzione alle famiglie Rifugi gratuiti fino al 15 settembre per gli under 16. In progetto la valorizzazione delle trincee della Linea Cadorna.

PINO CAPELLINI
Diecimila, una bella cifra.
Si avvicinano a quota diecimila anche per l’anno 2018 i soci della sezione Cai di Bergamo. Manca poco, una decina di iscritti in tutto, per arrivare a questa bella meta che sarà sicuramente superata, come del resto è avvenuto l’anno scorso. 
Il presidente Paolo Valoti è soddisfatto. Gli è stato comunicato che la scorsa settimana 17 nuovi soci sono entrati in un giorno solo a far parte di quella che lui chiama «la nostra famiglia». Ed è sempre un’atmosfera molto famigliare quella che si incontra entrando al Palamonti, la casa della montagna in città, o nelle sottosezioni, piccole e grandi, che fanno parte del patrimonio del Cai bergamasco. 
Proprio quest’anno il sodalizio bergamasco ha aperto la  stagione stiva rivolgendo una particolare attenzione alle famiglie con l’iniziativa dello «stare insieme» in montagna ospitati in uno dei tanti rifugi delle nostre Orobie. 
I nuclei familiari con bambini e ragazzi hanno la possibilità di usufruire di soggiorni gratuiti (fino a 16 anni) con il progetto educativo «Giovani e famiglie in montagna». La proposta, sostenuta dalla Provincia di  Bergamo, dall’Unione bergamasca sezioni e sottosezioni oltre che da vari enti, è valida fino al 15 settembre.
Per chi desidera avere maggiori informazioni c’è il sito al quale rivolgersi: www.caibergamo.it.
Paolo Valoti: «Svolgiamo un insostituibile ruolo sociale, culturale ed educativo» 
«Vieni in montagna insieme al Cai con sicurezza, passione e amicizia» è l’invito che la sezione di Bergamo e le sue sottosezioni (ma sono numerose e ben organizzate le sezioni  distribuite sul territorio) rivolge a quanti non sono ancora in possesso del bollino annuale (suddiviso in ordinario, familiare e giovane) o non hanno pensato di dotarsi della tessera con impresso lo stemma del Club alpino italiano. All’interno la ben nota frase del celebre alpinista Guido Rey che inizia con «La montagna è fatta per tutti». 
Paolo Valoti sottolinea: «La  sezione di Bergamo con le sottosezioni svolgono un insostituibile e riconosciuto ruolo sociale, culturale ed educativo finalizzato alla promozione della pratica, conoscenza e tutela della montagna, alla formazione alpinistica, scialpinistica, sci escursionistica, escursionistica, speleologica e dell’alpinismo giovanlie, oltre alla fondamentale cultura della sicurezza e della prevenzione degli infortuni». Aggiunge Valoti che, vantaggi a parte, essere iscritti al Cai offre la possibilità di conoscere dal di dentro il misterioso mondo della montagna che affascina e attrae per la sua ricchezza ambientale, per la storia e la civiltà. E vuol dire anche allargare la propria cerchia di amicizie. 
Le occasioni d’incontro e le iniziative non ancano. Recentemente è stata lanciata la giornata dell’«ometto di pietre» che ha visto tanti soci impegnati nel costruire i caratteristici «ometti» molto utili per segnalare vette e indicare percorsi su itinerari dove manca una segnaletica sicura. Ma ancor più impegnativo e interessante il progetto «Adotta un pezzo» della Linea Cadorna; si tratta del sistema difensivo di trincee e fortificazioni realizzato lungo le Orobie durante la Grande guerra e rimasto a lungo dimenticato e quasi sconosciuto.
Negli anni scorsi si sono avute alcune iniziative in alta Valle Brembana con interventi di studio e di recupero a opera del Centro storico culturale Valle Bremana e del Cai. Ora la sezione di Bergamo ha fatto proprio il progetto con l’obiettivo di conservare e valorizzare un patrimonio
che appartiene all’ambiente e alla storia delle nostre montagne. 
©RIPRODUZIONE RISERVATA