Relazione morale 2015

 

RELAZIONE MORALE 2015 DEL COORDINAMENTO BERGAMASCO DI ALPINISMO GIOVANILE

 

Il Coordinamento Bergamasco di Alpinismo Giovanile nel 2015 ha affrontato e sviluppato le tematiche inerenti l’Alpinismo Giovanile segnalate e provenienti dal territorio di tutta la provincia di Bergamo.

Ha mantenuto un rapporto di dialogo e confronto con la Commissione Regionale Lombarda di Alpinismo Giovanile sulle problematiche giovanili. Flavia Noris (AAG - CAI Gazzaniga) è entrata a far parte come componente della Commissione Regionale Lombarda di Alpinismo Giovanile: a lei i nostri migliori auguri di un proficuo lavoro per i giovani.

Il Coordinamento Bergamasco di A.G. ha inoltre realizzato una importante opera di sensibilizzazione verso gli Accompagnatori Sezionali di Alpinismo Giovanile (ASAG) della provincia di Bergamo per migliorare ulteriormente la propria formazione e professionalità, con la incentivazione a partecipare al Corso Regionale 2016 di formazione per Accompagnatori di Alpinismo Giovanile (AAG). Una decina di Accompagnatori Sezionali di Alpinismo Giovanile bergamaschi hanno aderito alla proposta e parteciperanno alle selezioni del corso.

Durante il 2015 il Coordinamento Bergamasco di A.G. si è prefisso anche la sensibilizzazione dei giovani per diventare Accompagnatori Sezionali di Alpinismo Giovanile, in modo da ridurre l’età media degli Accompagnatori. Per questo, tramite la Scuola Bergamasca “Alpi Orobie”, nel 2017 verrà realizzato un corso per la formazione di Accompagnatori Sezionali di Alpinismo Giovanile (ASAG).

Anche migliorare la possibilità dei giovani con età critica 14-17 anni di rimanere presenti in modo costante nelle attività di Alpinismo Giovanile, è in fase di analisi tramite le esperienze già effettuate nei gruppi giovanili del territorio. Come la incentivazione allo scambio di sinergie all’interno dei gruppi che operano nell’Alpinismo Giovanile in bergamasca.

Nel 2015 hanno operato attivamente nel Coordinamento Bergamasco di Alpinismo Giovanile le Sezioni di Bergamo, Alta Val Brembana, Clusone e le Sottosezioni di Albino-Gazzaniga, Castione della Presolana, Ponte S.Pietro, Trescore - Val Cavallina, Valle di Scalve, Val Gandino e Vaprio d’Adda. Vanno sensibilizzate maggiormente quelle Sezioni e Sottosezioni che pur facendo attività con i giovani, ancora non si sono approcciate alla realtà dell’Alpinismo Giovanile.

Il Coordinamento Bergamasco di Alpinismo Giovanile ha inoltre studiato insieme alla Scuola Bergamasca di Alpinismo Giovanile (suo Organismo Tecnico Operativo) alcune iniziative di aggiornamento culturale e tecnico per gli Accompagnatori. La scuola “Alpi Orobie” le ha poi concretizzate sul campo.