Relazione morale 2017

Col solito entusiasmo, nel corso delle riunioni estive del 2016, abbiamo stilato un programma di gite il più accattivante possibile, per tenere alto il desiderio di partecipazione alla nostra attività da parte dei soci e anche non soci.

Come ormai consuetudine il nostro programma si è dovuto adeguare alle condizioni meteo con la presenza, o mancanza di neve, nelle località programmate e in quelle tenute di “riserva”, in pratica abbiamo dovuto cambiare la meta prevista in 6 delle 10 uscite previste; purtroppo la gita con destinazione Zuoz-Zernez non la si è potuta effettuare, caso straordinario, per un disguido: non si è presentato il bus debitamente prenotato.
In questo caso la sportività dei nostri gitanti non ha creato polemiche o particolari malumori, i più si sono organizzati per una gita di gruppo in auto.

Le mete raggiunte sono state comunque sempre di grande interesse e appaganti sia dal punto di vista ambientale che per gli itinerari proposti.

Abbiamo iniziato con Rhemes Notre Dame in Val D’Aosta, per seguire poi con Passo Lavazè in Trentino, ancora la Svizzera con Andermatt e poi il Maloja, quindi Saint Barthelemy, ancora Svizzera con San Bernardino per poi lasciare spazio al più classico dei nostri appuntamenti invernali : la settimana bianca in quel di Dobbiaco in Val Pusteria.

Abbiamo poi chiuso le nostre gite con due uscite in Val d’Aosta, al Torgnon e , per finire, a Cogne dove una giornata spettacolare ha lasciato un ricordo davvero speciale a tutti i partecipanti.

La nostra stagione può ritenersi ampiamente positiva sia per i partecipanti, soci e no, sia per il riscontro economico; ci sono state gite con un leggero passivo, compensate da altre con un decisivo conto in attivo.

Al solito la settimana bianca, condotta dall’inossidabile coppia Benedetti-Mascadri, ha fatto la parte del leone nel positivo rendiconto economico.

Durante la calda (o caldissima) estate la commissione ha criticamente valutato la stagione passata al fine di preparare un programma per la stagione 2018 che possa essere altrettanto, o forse più, positiva per la nostra attività, apportando novità o cambiamenti laddove lo si è ritenuto opportuno.
Le mete proposte nel programma stilato sono quelle che storicamente sono tra le più gradite ai nostri utenti, cercando, di anno in anno, di variarle per non essere monotoni.
Chiaramente i nostri desideri devono sempre confrontarsi con la situazione meteo della meta proposta di volta in volta, ecco perché spesso il nostro programma viene cambiato anche radicalmente.

Il successo o meno della nostra stagione è dovuto ovviamente al gradimento del programma proposto e quindi alla partecipazione dei nostri soci e non soci, a tutti loro va quindi il nostro ringraziamento, così come doveroso è il ringraziamento a tutti gli accompagnatori che rendono possibile lo svolgersi della nostra attività.
Sulla base di questo, auspichiamo una stagione 2018 ricca di neve (innanzitutto) e di  giornate da trascorrere in compagnia con tutti gli amanti degli sci stretti!.